domenica 1 febbraio 2015

Rivisitando... col cioccolato e con le pere

Brrrr i giorni della merla dovrebbero esser terminati ieri, ma questa domenica è davvero fredda fredda… non resta che scaldarla con una supertorta cioccolatosissima J

In realtà questa torta è servita per festeggiare il mio carissimo amico d’infanzia Luca che, lo scorso ottobre, ha varcato la soglia dei 40 anni… su richiesta della moglie, Chiara, ho preparato una torta per la quale lei mi ha lasciato totale carta bianca, così…
Sulla scia di preparazioni che precedevano questo dolce solo di qualche giorno, e sempre ispirandomi alle richieste fatte dai giudici di un noto talent per pasticcieri, ho tentato anche io la rivisitazione di un classico: la torta cioccolato e pere.

Ho pensato alla torta che amo di più, la chiffon cake, farcita con cioccolato e pere, decorata con semplice panna, una parte della quale addizionata di cacao amaro in polvere, e fette di pera caramellate… l’idea mi ha allettata: non era la solita cioccolato e pere e a me non restava che mettersi all’opera!

CHIFFON CAKE
al CIOCCOLATO E PERE

Per la chiffon ho seguito la mia solita ricetta (si trova qui) che però ho cotto in una tortiera di alluminio da 28cm di diametro e dai bordi alti, quindi senza buco centrale. Una volta fredda ho tagliato la torta in 3 dischi, come per una qualsiasi torta farcita.


Ho bagnato leggermente con uno sciroppo semplice aromatizzato al rhum (gli sciroppi si trovano qui) e farcito con una mousse di cioccolato fondente, quella di Santin che ho postato qui. Ho arricchito ogni strato di mousse con pere a dadini saltate in padella con zucchero di canna e rhum.
Ho utilizzato 4 pere sode, occorre sbucciarle e tagliarle a dadi non troppo piccoli. In una padella antiaderente disporre i dadi di pera, cospargere con zucchero di canna 50/60gr e lasciar andare a fuoco vivace per un paio di minuti, saltando in padella. Bagnare con il rhum, 30gr, e flambare. Quando la fiamma si spegne ed il sughetto si sarà addensato, le pere saranno pronte.


Dopo averla farcita, ho lasciato riposare la torta qualche ora in frigo e quindi decorata con panna bianca e panna al cioccolato.
Le fette di pera caramellate le ho preparate similmente ai dadi di pera, ma evitando di saltarle per non romperle, per cui le ho semplicemente girate più volte delicatamente con una paletta, dopodiché ho lasciato che “asciugassero” su carta da forno prima di adagiarle sulla torta.

Pronti per l’assaggio?? Luca, Chiara e tutti i nostri amici hanno gradito molto!!!



P.S. perdonate le foto, ma in quel periodo era in panne anche la mia digitale L

Nessun commento:

Posta un commento