martedì 30 aprile 2013

Cestini di Frolla al Caffè con Mousseline


La deliziosa frolla al caffè preparata come esperimento non potevo certo utilizzarla per una qualsiasi crostata... o no? :D 

Che mi invento? Mi invento che voglio provare la Crème Mousseline, una delle tante creme di burro da farcitura... questa è una delle creme base della pasticceria e se ne trovano infinite varianti, alcune con quantità spropositate di burro, altre con meno,... sta di fatto che somiglia a varie German Buttercreams e Bavarian Buttercreams.

In azione su!

Preriscaldare il forno a 200° e, dopo aver fatto riposare la frolla, riprenderla e stenderla sul piano di lavoro infarinato... tirarla col matterello fino a 3 o 4 mm di spessore e con un coppapasta da 8cm ricavare tanti cerchi quanti ne vengono (a me ne son venuti 15).
Imburrare, infarinare ed "inzuccherare" unoo stampo da muffin e sistemarvi i "cestini".
Cuocere per 20/25 min. Sfornare e lasciar raffreddare 5 minuti nello stampo, poi tirare fuori i cestini in modo molto delicato, la frolla è talmente riuscita che è venuta bella friabile come deve essere... a questo punto lasciare che raffreddino completamente.

Intanto preparare la 

CRÈME MOUSSELINE AL CAFFÈ

150ml latte intero, 50g di caffè espresso, 2 tuorli, 15g amido di mais, 80g di burro, 50g di zucchero... per una crema dal sapore più sostenuto aggiungere anche 2 cucchiai di caffè solubile :P

Scaldare il latte e caffè, non deve bollire deve intiepidire e aggiungere l'eventuale caffè solubile. 
Montare i tuorli con lo zucchero, aggiungere l’amido di mais e continuare a montare.
Unire il latte caldo alla montata di uova e porre tutto in un pentolino. Cuocere a fuoco basso fino a che la crema si addensa.
Togliere dal fuoco e lasciar riposare 5 minuti mescolando di tanto in tanto. Unire metà del burro ammorbidito e amalgamare con una frusta a mano.  Coprire la crema con pellicola alimentare a pelle e porre in frigorifero per almeno un’ora. 





Quando sarà trascorso il tempo del raffreddamento, montare “ a pomata” il burro rimanente. Aggiungere la crema e amalgamare per bene. La crema è pronta all’uso ;)

Riempire un sac à poche e farcire i cestini... lasciar rassodare in frigo almeno un'ora et voilà, splendido dessert :D :D :D

Pasta Frolla al Caffè



Seguendo le indicazioni del M° Massari sulla pasta frolla, ho provato a realizzare una pasta frolla al caffè…

...si, lo so che online ne potevo trovare tantissime senza sforzo ma… non sarei io se non tentassi :D

Usando il rapporto 3:2:1 e calcolati i liquidi è venuta fuori questa ricetta:

300g di farina 00 setacciata + 15g caffè solubile setacciato, 200g di zucchero, 100g di burro, 20g di tuorlo (il tuorlo di un uovo medio), 60g di caffè espresso.

Ho lavorato con la planetaria e la frusta K.


Tagliare il burro freddo di frigorifero in piccoli pezzi, unire lo zucchero e montare alla max velocità per una decina di minuti, raschiando ogni tanto le pareti della ciotola. Unire il tuorlo e aspettare che amalgami bene. Abbassare la velocità al min e unire il caffè a filo… quando anche il caffè sarà ben incorporato unire la farina mescolata col caffè solubile e montare giusto il tempo di “bagnare” tutta la farina. Spegnere la planetaria, trasferire l’impasto sul piano di lavoro leggermente infarinato e formare una palla. Avvolgere la palla con pellicola alimentare e far riposare in frigorifero almeno 30 min… io preferisco prepararla la sera precedente.

Si può usare per farne cestini di frolla, biscotti, crostate… qualcosina è nel prossimo post :D

domenica 28 aprile 2013

La ciambella "modaiola" (ciambella all'acqua)


Circola già da un po’ in rete una ricetta di Ciambella “all’acqua” di Anna Moroni… sembra che vada parecchio di moda... ero incuriosita ed avevo deciso di sperimentarla quanto prima data la mia passione per la Chiffon Cake, la ciambella americana in cui si usa, appunto, l’acqua.
Avevo sempre rimandato dicendomi che tanto per una ciambella c’era sempre tempo, poi prova qui, prova lì, crea, varia e bilancia altre ricette, sta ciambella non l’ho mai preparata… Ecco allora che l’altroieri mi si presenta l’occasione: mio figlio chiede un ciambellone per la colazione, un’amica chiede un ciambellone leggero… :D

e che potevo fa?? E facciamola allora và!!

Non ho usato la ricetta della Moroni perché mi son chiesta se per caso bastasse sostituire il latte della mia ricetta storica con l’acqua… ricetta storica perché mia madre ha sempre preparato questo ciambellone, credo da prima che io nascessi… ricetta storica anche perché è il primo dolce in assoluto che io abbia mai preparato, avevo 10 anni :P
…per la sostituzione del latte con l’acqua mi son risposta che tanto valeva provare ed ecco la mia

CIAMBELLA ALL’ACQUA


4 uova medie a temp. ambiente, 200g di zucchero, 350g di farina, 1 bicchiere d’olio di semi di mais (rende i dolci più morbidi e leggeri), 1 bicchiere d’acqua, scorza grattata di un limone, 1 bustina di lievito per dolci (setacciarlo sempre).

N.B. per la variante al cacao: usare fino a 50g di cacao amaro eliminando fino a 50g di farina, evitare la scorza di limone, volendo si può sostituire con la scorza d’arancia.


Preriscaldare il forno a 160°. Imburrare ed infarinare uno stampo da ciambellone. Montare le uova intere con lo zucchero e la scorza di limone per una decina di minuti. Trascorso questo tempo versare a filo l’olio diminuendo la velocità del mixer, di seguito versare a filo l’acqua, poi la farina setacciata e da ultimo il lievito. Disporre nello stampo e spolverizzare con zucchero semolato. Infornare per un’ora.
Sfornare e lasciar raffreddare il ciambellone su una gratella. 
 
...dentro la ciambella ihihihihi :D

…mmmmmmmmmmmorbido morbido… approvato e sottoscritto da tutta la famiglia :D