martedì 26 novembre 2013

Crema al Vin Brulé

Ho una gran passione per il Vin Brulé… pur non bevendo vino amo questa bevanda che sa di inverno, di calore, di “baita di montagna”… e quando l’altro giorno giocavo a realizzare la Frolla al Cioccolato Bianco pensavo di voler a tutti i costi un connubio particolare, armonico, una fusione di sapori contrastanti ma ben assortiti… mi misi a pensare ad una crema al vino che una volta, da qualche parte, avevo letto… ma non mi bastava, volevo di più!!

E così mi son ricordata che avevo tutto l’occorrente per preparare il Vin Brulé… uhm… sì, si poteva fare… tanto le cavie sarebbero stati i miei familiari :D

Crema al Vin Brulé

La ricetta del Vin Brulé è quella riportata da greenme: 1 e ½ lt di vino rosso, 3 stecche di cannella, 250g di zucchero, 10 chiodi di garofano, 2 arance non trattate, 1 limone, 1 mela, un pizzico di noce moscata.

Lavare arance e limoni, asciugarle e tagliare la scorza compresa la parte bianca che solitamente si evita, l’amarognolo della parte bianca evita l’eccessiva dolcezza del vin brulé finale. Lavare la mela, privarla del torsolo e affettarla sottilmente.
Versare il vino in un pentolino adatto unendo tutti gli ingredienti, compresa la frutta preparata. Mescolare “a freddo” per una decina di minuti e poi porre sul fuoco moderato mescolando spesso. Una volta a bollore lasciar fiammeggiare il vino per permettere l’evaporazione dell’alcol. Questa operazione richiede molta attenzione… una volta spente le fiamme blu del flambé spegnere i fornelli. A questo punto può essere gustato, o così com’è o filtrato… o essere usato per la mia crema :D


Per la crema mi sono ispirata a questa ricetta di Misya portando le mie varianti: 4 tuorli, 50g di zucchero, 10g di amido di mais, 150ml di Vin Brulé.

Montare i tuorli a crema con lo zucchero, aggiungere l’amido di mais sempre montando… da ultimo unire il Vin Brulé tiepido. Miscelare per bene e porre tutto in un pentolino. Cuocere la crema a fuoco dolce fino al bollore o fino alla consistenza desiderata (che deve essere come quella della crema pasticciera). Spegnere il fuoco, trasferire in una ciotola e lasciar raffreddare dopo aver messo della pellicola a contatto.
 
cestini di Frolla al Cioccolato Bianco con Crema al Vin Brulé

Con questa crema ho farcito dei cestini di Frolla al Cioccolato Bianco… che dire? Qui in casa i miei figli ed i miei genitori si son leccati i baffi, come anche l’ospite occasionale di quella sera… e perfino mio marito, che non ama particolarmente i dolci, è rimasto soddisfattissimo del mio esperimento!!! :D


Nessun commento:

Posta un commento