venerdì 28 giugno 2013

Latte di Mandorla Homemade

Il latte di mandorla è una bevanda tradizionale che ha antiche origini nei monasteri siciliani.
Ottenerlo in casa è molto semplice, anche se occorrono tempo e pazienza.


In sostanza è il risultato dell'infusione in acqua e della “spremitura” delle mandorle… se poi è realizzato con mandorle di Sicilia, precisamente con la Mandorla Pizzuta di Avola, varietà dalle caratteristiche superiori rispetto ad altre mandorle, si otterrà il top!




La leggenda del latte di mandorla nasce in Grecia, dalla storia d’amore tra  la principessa della Tracia, Fillide, e Acamante (o Demofonte a seconda delle versioni, ndr), figlio di Teseo. Nonostante fossero innamorati il ragazzo fu costretto a seguire gli Achei per la guerra di Troia e la principessa, dopo aver atteso per dieci anni il suo amato, non vedendolo tornare e credendolo morto, si lasciò morire dalla disperazione.
Atena, commossa dalla storia d'amore, decise di trasformare Fillide in uno splendido albero di mandorlo. Quando l'amato, che non era morto, fece ritorno e apprese che la ragazza era stata trasformata, abbracciò la pianta con tutto il suo amore ed essa, per ricambiare le sue carezze, fece prorompere dai suoi rami fiori, anziché foglie. Da quel giorno, quando i fiori del mandorlo annunciano l'arrivo della primavera, l'abbraccio torna a ripetersi in tutta la sua storia.

Si chiama “latte” solo per il suo colore bianco, ma la sua composizione non ha nulla a che vedere il latte vaccino e non può sostituirlo in alcun modo… sono due prodotti differenti!! Anzi, facendo attenzione a non consumarne in quantità eccessive perché è molto calorico, è il sostituto ideale e certamente migliore di bevande gassate come cola, aranciata, succhi di frutta,…

Al latte di mandorla vengono riconosciute proprietà antidepressive, antinfiammatorie, rinfrescanti e riequilibranti dell'umore. Oltre ad essere un ottimo integratore di vitamine, è indicato in inverno per la sua azione protettiva delle vie respiratorie e contro la tosse (basta scaldarlo e aggiungere un cucchiaino di miele di eucalipto) ed è indicato in estate, servito freddo anche in forma di granita e con il caffè, per il suo potere dissetante.

È inserito nell'elenco dei prodotti agroalimentari tradizionali italiani.



LATTE di MANDORLA
homemade

200g di mandorle con la pellicina, non tostate, 600g d’acqua, 1 cucchiaino di miele d’acacia o di fruttosio (facoltativo).

Mettere a bagno per una notte le mandorle… al mattino togliere la pellicina.
Se si vuole un metodo più veloce: scaldare dell’acqua in un pentolino e quando bolle versarvi le mandorle. Far riprendere il bollore per un minuto, dopodiché scolare e passare sotto l’acqua fredda, quindi spellare le mandorle… io preferisco il primo metodo, più naturale.


Lavare le mandorle spellate e riporle in frigo in un bagno d’acqua fredda per 24h. Trascorso questo tempo sgocciolarle e metterle nel frullatore con il miele e l’acqua prevista. Frullare a lungo fino ad ottenere un composto fluido.
Predisporre una ciotola di vetro, un colino con sopra una tela di lino o cotone e setacciare il latte. Effettuata questa operazione rimarrà nel telo la finissima polpa delle mandorle tritate… occorre strizzare bene il telo con dentro la polpa per permettere la fuoriuscita di tutto il latte. Si conserva in frigo 2 o 3 giorni.


Lo si può allungare con acqua fresca al momento del consumo, così come si può arricchire con vaniglia, menta, caffè...


Il trito di mandorle che resta si utilizza nei dolci, nella preparazione del gelato… io l’ho aggiunto ad una preparazione salata :P 

9 commenti:

  1. Mi piace molto...l'ho già visto preparare tante volte ma non mi sono ancora decisa....mi piace molto leggere la storia delle ricette soprattutto quando hanno una storia....

    Un abbraccio e ancora buon fine settimana
    monica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie ancora Monica, buon fine settimana a voi :P

      Elimina
  2. Risposte
    1. :P e se ti dicessi che è già finito? :( :(

      Elimina
  3. Invitante! Mi piace anche il recupero della parte solida.
    Ecco ora la voglio! Sotto forma di bibita e di granita!!!

    RispondiElimina
  4. che bontà, è delizioso !!

    Vale e Sabri
    Color carta da zucchero

    RispondiElimina
  5. Io lo preparo sempre, solo che metto più mandorle epr la stessa quantità di acqua! Lo adoro :)

    RispondiElimina