lunedì 3 giugno 2013

Il latte condensato (o latte concentrato zuccherato)

Il latte condensato, o meglio il latte concentrato zuccherato, è stato inventato nel 1827 da Nicolas Appert e perfezionato dall'americano Gail Borden. È semplicemente un latte a cui, attraverso il calore, viene sottratta buona parte dell’acqua in esso contenuta naturalmente e aggiunto dello zucchero. Il latte viene fatto bollire per eliminare i possibili germi e batteri e addensato senza mai fargli superare la temperatura di 40/80° per evitare la reazione di Maillard, cioè l'imbrunimento degli zuccheri (necessaria invece per la realizzazione della salsa mou). Dopo aver addensato il latte, il prodotto va invasettato e sterilizzato.



Il latte condensato serve in molte preparazioni... io lo utilizzo nella Viennetta Homemade, nella Camy Cream, nella Buttercream specifica,...
Da tempo ormai lo preparo in casa... oltre all'immensa soddisfazione personale della produzione homemade, il motivo dell'autoproduzione risiede nel mio boicottare l'unica multinazionale che ce lo fa trovare tra gli scaffali dei supermercati :P ...quindi? come si fa?

LATTE CONDENSATO


250g di zucchero a velo setacciato, 190ml di latte intero (possibilmente fresco), 25g di burro, qualche goccia di estratto di vaniglia (facoltativo). 


Mettere in un pentolino tutti gli ingredienti e scaldare a fuoco lento finché il burro e lo zucchero si saranno sciolti. Alzare la fiamma e portare ad ebollizione, mescolando costantemente per una decina di minuti dall'inizio dell'ebollizione. Travasare in barattolo di vetro sterilizzato e lasciar raffreddare. Si conserva in frigorifero per diversi mesi.

N.B. a distanza di un anno e mezzo da che lo preparo in casa ho provato ad aumentare i tempi di ebollizione e sono arrivata 30 min... Il risultato che ho raggiunto è stato quello di un latte condensato morbido, ma più consistente, come quello industriale.
  

2 commenti:

  1. MERAVIGLIOSOOOOOOOOOOO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!11 Grazie Raffa,come sempre! Sofiamoredimamma

    RispondiElimina