martedì 2 aprile 2013

La mia Pastiera

…ed ecco quella che ho preparato io per Pasqua J mio figlio l'ha proprio divorata!!

La mia versione prende spunto da una ricetta postata sulla pagina FB Dolci Folly, con cui collaboro da un anno… è una ricetta della tradizione familiare della nostra collaboratrice… poi… poi ci sono i miei tocchi…
La mia Pastiera

PASTA FROLLA DELL'ARTUSI - Ricetta B: 250g farina 00, 125g burro freddo di frigorifero, 110g zucchero a velo, 1 uovo intero + 1 tuorlo, 1/2 cucchiaino di bicarbonato, qualche goccia di limone.

Procedere sulla spianatoia mettendo a fontana la farina, lo zav e il bicarbonato setacciati, al centro porre il burro freddo tagliato a pezzettini… lavorare fino a formare una specie di "sabbia" spessa, poi unire le uova e le gocce di limone. Lavorare il meno possibile, formare un panetto e porre in frigo almeno 30 min… ma se si fa il giorno prima è meglio ;)


RIPIENO: 250g grano cotto, 350g di ricotta, 350g zucchero aromatizzato alla vaniglia, 4 uova, canditi q.b., scorza grattugiata di 1 limone, aroma di fiori d'arancio, un pizzico di cannella, 200ml di latte, 20g burro… io ho eliminato i canditi, e che non me ne vogliano i napoletani, ma qui non piacciono a nessuno… Ispirata dalla Pastiera al cioccolato di Sal De Riso, che utilizza comunque cioccolato fuso, ho sostituito i canditi con 100g di cioccolato fondente spezzettato a coltello.  


Porre il grano cotto in una pentola, aggiungere il burro, il latte e la scorza di limone. Far bollire a fuoco lento finchè il composto diventa denso e cremoso. Togliere dal fuoco, versare in una ciotola e lasciar raffreddare. A parte, montare il tuorli con lo zucchero vanigliato, aggiungere la ricotta, l'aroma di fiori d'arancio e la cannella. A parte montare gli albumi a neve ben ferma.

Prescaldare il forno a 150°. Stendere la pasta frolla e foderare una teglia precedentemente imburrata ed infarinata. Unire il grano alla crema di ricotta amalgamando per bene. Aggiungere gli albumi montati a neve incorporandoli delicatamente con una spatola.  Versare nella teglia foderata di pasta frolla e livellare bene, la crema deve raggiungere comunque il bordo della pasta frolla. Rifinire con strisce di pasta frolla come una qualsiasi crostata. Infornare a 150° per 1 ora e mezza (temperatura e tempo di cottura consigliati dal Maestro Pasticciere Andrea Aiello).

Togliere dal forno quando la superficie sarà dorata e lasciar raffreddare nella teglia. Sformare una volta fredda e lasciare che la pastiera riposi almeno un paio di giorni prima di consumarla... la tradizione vuole che si prepari il Giovedi Santo, al massimo il Venerdi Santo, per essere consumata a Pasqua J

8 commenti:

  1. Mmm buonissima questa ricetta... Un classico che prima o poi dovrò provare... xD
    Bravissima...
    Se ti va mi farebbe piacere se passassi da me
    http://legolosecreazionidiluana.blogspot.it/

    Un Saluto.. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luana, passo volentieri, grazie ;)

      Elimina
  2. Adoro la PASTIERA NAPOLETANA! Un giorno o l'altro proverò a farla!

    RispondiElimina
  3. Quest'anno per la prima volta ho voluto fare anch'io la pastiera napoletana. Ho utilizzato la ricetta scritta sul vasetto del grano cotto F.lli Rebecchi(per la pasta frolla: 500g di farina, 150g di zucchero, 250g di burro o strutto, 1uovo intero, 2 tuorli e una grattata di scorza di arancia. Per il ripieno 580g di grano cotto, 250g di latte,500g di ricotta, 500g di zucchero, un pizzico di sale, aroma Fior d'arancio, 6 tuorli, 70g di canditi e 2 bustine di vanillina). Buonissima ma troppo abbondante, preferisco la tua! Adesso mi salvo la ricetta. Grazie Raffaellina! Stefania

    RispondiElimina
  4. Risposte
    1. Grazie... eh si, se andiamo a guardare esistono tantissime versioni, alla fine è questione di grammi e rapporto di ingredienti ;)

      Elimina