giovedì 22 novembre 2012

Yogurt, che bella invenzione!



Tra le tante cose che preparo in casa ormai da anni c'è anche lo yogurt... non così spesso magari, ma decisamente ho sperimentato un sapore migliore e più invitante rispetto allo yogurt che ho sempre acquistato (e che ancora acquisto eh :P ). Con lo yogurt la storia iniziò una quindicina di anni fa quando mi regalai il macchinario per farlo in casa, che poi è un contenitore in plastica al cui interno è situata una resistenza che scalda e permette la trasformazione dello yogurt... caso volle che la scorsa estate il macchinario abbia fatto kaputt e tutti i vasetti in dotazione, rigorosamente in vetro si siano rotti :( uff!!! e adesso?? Niente paura, mettiamoci alla ricerca del metodo più efficace per produrlo in casa anche senza macchinario... 
Tra i miei blog preferiti c'è Anice&Cannella, vuoi che non trovi qualcosa lì?? Infatti è lì che ho trovato la ricetta ed il metodo che uso attualmente ;) 




 Riporto fedelmente il metodo di Anice&Cannella.

YOGURT HOMEMADE 

"Ingredienti indispensabili: 1 lt di latte intero e freschissimo, 2 bei cucchiai di yogurt bianco intero, 1 pentola in acciaio ovviamente pulitissima, 1 contenitore per alimenti di plastica opaca e a chiusura ermetica, 1 colino per filtrare, 1 cucchiaio, 1 copertina di pile morbida e calda, i fermenti, si sa, amano il caldo.

Raccomandazioni: Il latte deve assolutamente essere intero. 
E' impensabile ottenere uno yogurt compatto col latte parzialmente scremato o peggio ancora, scremato. E, vi assicuro che, quello che faremo, sarà così compatto che il cucchiaino conficcato dentro, starà diritto da solo. Lo yogurt dovrà avere una scadenza il più lontano possibile, meglio se 30 giorni, ma va bene anche una ventina di giorni. Questo perchè, più lo yogurt è fresco, più i fermenti saranno attivi e quindi più golosi di lattosio. E' per questo, infatti, che lo iogurt è tollerato benissimo anche da chi è intollerante al latte.

Cominciamo: Prendiamo il latte e mettiamolo nella pentola a fuoco molto dolce sul fornello medio. Dopo una decina di minuti circa (ma ovviamente controllate spesso) comincerà ad alzare il bollore. Non appena la panna si alzerà, e starà per raggiungere il bordo della pentola, spegniamo immediatamente. Togliamo con un cucchiaio quella panna. Copriamo la pentola con un piatto, per evitare il più possibile contaminazioni e mettiamola a bagno in una pentola più grande piena di acqua fredda. In questo modo il latte raffredderà molto più velocemente.

Ecco, ora qui dobbiamo fare attenzione... il latte sarà perfetto quando raggiungerà una temperatura di 40° non oltre, meglio anche 38°. L'errore che facevo io, ma non avevo il termometro, era di aspettare che fosse tiepido e basta, ma sicuramente non riuscivo a regolarmi bene, per cui immagino che lo lasciassi troppo caldo.
Per cui, se non avete il termometro, aspettate pure che sia freddo o appena tiepido.
Prendiamo adesso la ciotola di plastica e versiamo dentro 2 cucchiai di yogurt, aggiungiamo qualche cucchiaio (5 o 6) del nostro latte filtrandolo da un colino, ma se abbiamo tolto bene la panna, non ce n'è bisogno. Mescoliamo con cura, non ci dovrà essere il più piccolo grumo.

A questo punto, accendiamo il nostro forno ad una temperatura di 50°, contiamo fino a 60 e andiamo a finire di preparare il nostro yogurt.

IMPORTANTE: il forno NON deve raggiungere i 50° ma solo diventare tiepido! Per cui dopo 60 secondi, ma anche meno, va subito spento!

Aggiungiamo ora dolcemente il resto del latte mescolando bene. Copriamo col coperchio ermetico e avvolgiamo bene il contenitore nella copertina di pile e mettiamo il nostro contenitore nella sua copertina dentro al forno, mi raccomando copritelo bene, i fermenti sono freddolosi! Chiudiamo lo sportello del forno... e aspettiamo circa 6/8 ore senza assolutamente muovere la ciotola, i fermenti sono anche permalosi, se li muoverete, non mangeranno lattosio e non produrranno lo yogurt. Per cui, sappiate già che se avete deciso di fare lo yogurt, per quel giorno non dovrete assolutamente accendere il forno ed essere costretti a smuovere la ciotola.

Dopo le 6 ore controlliamo, togliendo la copertina delicatamente, se muovendo appena, vedrete che il liquido all'interno sarà ben compatto e sodo, il nostro yogurt è pronto!
Altrimenti lasciamolo fino a 8 ore, se necessario anche 12 ore. Dopodichè va messo immediatamente in frigo!

IN ESTATE: da controllare il frigo, con il caldo fa fatica a stare alla stessa temperatura interna che aveva in inverno, va regolato di nuovo! La temperatura ideale è 4/5 gradi.
Perchè anche se appena fatto è leggermente sodo, in frigo lo yogurt finisce di "compattare", cioè il siero si separa dallo yogurt, ma se la temperatura interna del frigo è sopra quella consigliata, fa ovviamente fatica e “fila”! "

Elementare no?? ;)
Baci :) Raffa

1 commento:

  1. ho anche il termometro, quindi sarei avvantaggiata... mi preoccupa la velocità del mio forno. 60' a 50° potrebbero essere letali!?! ^_^

    RispondiElimina