giovedì 26 luglio 2012

Una storia di cioccolato: i Brownies

La vera storia dei Brownies è difficile da ricostruire... anche per questi dolcetti ci sono mille versioni contrastanti... tuttavia si pensa che siano nati negli States e che il loro nome derivi dal colore marrone dovuto alla gran quantità di cioccolato di cui son fatti... o da qualche personaggio mitico presente nelle storielle per bambini... Folletti? Elfi? Brownies?? :D Brownie è il folletto più famoso d'Inghilterra ad esempio... alto 60 cm e ricoperto di peli scuri, nudo o rozzamente vestito. Brownie è servizievole nei lavori di casa e aiuta l’uomo in cambio di dolci e latte, ma come tutti i folletti è un po’ permaloso...

chuckmanchicagonostalgia.wordpress.com
Un'altra storia suggerisce che i Brownies siano stati inventati al Palmer House Hotel di Chicago durante la World's Columbian Exposition del 1892. C'è chi sostiene che Bertha Palmer chiese un dessert che non sporcasse le mani da poter riporre nelle scatole da pranzo. Esiste anche una versione bianca del brownie, chiamata blondie, preparata senza cacao, spesso con del cioccolato bianco al suo posto.


La prima ricetta per Brownies risale al 1896 e la si trova nel Cookbook Cooking School di Boston (libro di ricette che ho citato altre volte)... in realtà era una ricetta per dolcetti alla melassa, cotti in stampi individuali, un po' lontani da quello che noi pensiamo oggi come brownies.
La prima ricetta di Brownies come biscotti al cioccolato sembra essere invece apparsa col nome di Brownies Bangor sul quotidiano Boston Globe nel 1905. Il Boston Globe raccontava che il biscottino potrebbe aver avuto origine quando un cuoco dimenticò di mettere il lievito nell'impasto di una torta al cioccolato, il risultato fu una torta bassa, ma ugualmente gustosa. Questo cuoco distratto può aver vissuto a Bangor, nel Maine, da qui il nome di Brownies Bangor.
Comunque sia, i Brownies al cioccolato diventarono popolari solo dopo il 1920, quando il cioccolato divenne un prodotto disponibile per tutti.

Le prime ricette prevedevano l'uso di burro, uova, zucchero, farina, cioccolato fuso e noci in quantità variabili... che vuol dire? Vuol dire che per fare in casa questa torta/biscotto non è cambiato molto negli ultimi cento anni! E allora mani in pasta  e facciamo i

Chocolate Brownies


95g farina 00, 150g cioccolato fondente, 110g burro, 2 cucchiai di cacao amaro in polvere, 200g zucchero, 3 uova, 1 cucchiaino di essenza vaniglia (o vanillina o aroma), 1 pizzico di sale, 60g gherigli di noci tritati... alcune ricette prevedono l'uso di 1/2 cucchiaino di lievito.

Sciogliere il cioccolato fondente a bagnomaria col burro... quando sarà fuso emulsionarlo con un frusta a mano... incorporare lo zucchero e il cacao in polvere e lasciar intiepidire.
Preriscaldare il forno a 180°, imburrare e infarinare una teglia quadrata da 20 cm. Setacciare in una ciotola la farina, il lievito (se si decide di utilizzarlo) e il sale. Una volta che il cioccolato sarà intiepidito incorporarvi le uova leggermente sbattute... non mescolare troppo il composto, giusto un'amalgamata. Unire anche la vaniglia, la farina e le noci e mescolare  velocemente. Versare l'impasto nella teglia, livellarlo e infornare... cuocere per 35/40 min, ovvero fino a quando la superficie del dolce risulterà asciutta.
Lasciar raffreddare completamente prima di tagliare la torta/biscotto in quadrotti... decorare a piacere con noci tritate o zucchero a velo...(ricetta di joyofbaking.com)

Io ho apportato una piccola modifica :P non avendo noci, ma mandorle, nocciole e amaretti, ho preparato un trito di questi ingredienti e l'ho unito al composto di cioccolato nella stessa quantità prevista per le noci... al posto delle noci si potrebbero usare anche gocce di cioccolato, anche se io preferisco il cioccolato spezzettato ;)


Nessun commento:

Posta un commento